Solo nella provincia di Foggia i braccianti agricoli stranieri sono un terzo del totale. Ogni anno oltre 40mila migranti arrivano nella zona per la stagione della raccolta. Non tutti hanno un alloggio dignitoso, come gli ospiti di Ghetto Out, la struttura nata a San Severo per sottrarre i lavoratori dai caporali. Moltissimi sono ancora accampati nelle baraccopoli. Senza distanziamento, senza norme igieniche minime. Ecco perché è cominciata qui la campagna vaccinale dei braccianti, con un’iniziativa lanciata dalla Coldiretti. L’adesione è stata massiccia, ma c’è ancora qualcuno che è restio. “Vaccinarci – dicono – è un dovere”. Per questo invitano anche gli altri a farlo: “Nei ghetti zero distanziamento né igiene. È importante”, spiegano.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Durnwalder condannato per peculato, Zeller (Svp): “Quello che ha fatto l’ex governatore è una prassi corrente anche in altre Regioni”

next