Nel 2020 la spesa media mensile delle famiglie residenti in Italia è stata di 2.328 euro: un crollo del 9% in meno rispetto al 2019, che ha riportato il valore ai livelli del 2000. L’anno del Covid ha fatto segnare la contrazione più accentuata dal 1997: nel biennio 2012-2013 il calo era stato “solo” del 6,4%. Il calo non ha riguardato tutti i settori: le diminuzioni più drastiche riguardano i capitoli di spesa sui quali hanno pesato più direttamente le restrizioni. A partire dai Servizi ricettivi e di ristorazione (-38,9%, 79 euro mensili in media nel 2020) e ricreazione, spettacoli e cultura (-26,4%, 93 euro mensili), seguiti da capitoli fortemente penalizzati dalla limitazione alla circolazione e alla socialità, come trasporti (-24,6%, 217 euro mensili nel 2020) e abbigliamento e calzature (-23,3%, 88 euro mensili). Il 46,8% dei nuclei ha ridotto le uscite per viaggi e vacanze, il 45,5% quella per abbigliamento e calzature.

Sono invece rimaste sostanzialmente invariate la spesa per alimentari e bevande analcoliche (468 euro al mese) e quella per abitazione, acqua, elettricità e altri combustibili, manutenzione ordinaria e straordinaria (893 euro mensili, di cui 587 euro di affitti figurativi). Cioè tutte le spese difficilmente comprimibili, solo marginalmente toccate dalle restrizioni governative e che, anzi, possono essere state favorite dalla maggiore permanenza delle famiglie in casa.

Il rapporto tra la spesa delle famiglie più abbienti e quelle meno abbienti è a 4,8 e per il terzo anno consecutivo la disuguaglianza si attenua, seppur di poco, tornando ai livelli del 2013. Poiché la distribuzione dei consumi è asimmetrica e più concentrata nei livelli medio-bassi, la maggioranza delle famiglie spende un importo inferiore al valore medio. Il valore mediano, cioè il livello di spesa per consumi che divide il numero di famiglie in due parti uguali tra quelle che spendono meno e quelle che spendono di più, è 1.962 euro (era 2.159 euro nel 2019).

L’impatto del Covid è proseguito nel primo trimestre, quando la spesa media mensile è calata del 3,4% sullo stesso trimestre 2020. Al netto delle spese alimentari e per l’abitazione, il calo è del 7,5%.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Collegamenti aerei cargo tornano sui livelli pre-pandemia. Spedire un container via mare costa il 485% in più di un anno fa

next
Articolo Successivo

Produzione industriale, in aprile Italia molto sopra la media Ue: +1,8% su marzo, +79,5% su aprile 2020. Deboli Francia e Germania

next