Un’applicazione di messaggistica istantanea per soli criminali, utilizzata per organizzare assassinii, traffici di droga e di armi. È questo lo stratagemma con cui l’Fbi, la polizia federale americana, è riuscita ad incastrare e arrestare 800 malviventi in 18 paesi in tutto il mondo. Tutti presunti membri di organizzazioni criminali legate al narcotraffico e non solo. L’app di messaggistica chiamata ANoM era, in realtà, falsamente criptata ed è stata creata dall’Fbi con la copertura di una società di facciata è stata fatta circolare tra gli ambienti criminali. Così sempre più persone hanno cominciato ad usarla. L’operazione ha coinvolto un totale di 15 paesi, tra cui diversi Paesi UE, Stati Uniti, Canada, Australia e Nuova Zelanda. Proprio come un “trojan” (da qui il nome dell’operazione Trojan Shield) una volta installata sui telefoni cellulari dei criminali, l’applicazione ha dato accesso agli investigatori a tutto il loro contenuto. I 27 milioni di messaggi a disposizione delle autorità hanno richiesto 18 mesi per essere esaminati.

L’intera operazione di infiltrazione è partita nel 2018 ed ha portato alla conclusione di “centinaia di operazioni di polizia su scala globale, con risultati impressionanti” ha commentato in conferenza stampa il vice direttore delle operazioni di Europol, Jean-Philippe Lecouffe. “Un criminale doveva conoscere un altro criminale per ottenere questo materiale” ha spiegato la polizia australiana. E il punto di svolta è stato quando il trafficante di stupefacenti australiano ricercato Hakan Ayik ha raccomandato la app ai suoi associati. I messaggi che i diversi membri della criminalità si scambiavano su consegne, carichi o omicidi, erano diretti e senza sfumature.

Le principali figure della criminalità organizzata, definiti “influencer criminali” da Reece Kershaw, capo dell’Australian Federal Police, ne garantivano dunque l’integrità. Oltre agli 800 arresti, sono state sequestrate più di 30 tonnellate di sostanze stupefacenti e 250 armi da fuoco, oltre che 48 milioni di dollari tra valute nazionali di vari paesi e criptovalute. Solo in Australia l’operazione ha portato all’arresto di 224 persone, al sequestro di 3,7 tonnellate di droga e di quasi 35 milioni di dollari in contanti. Secondo le autorità australiane la maggior parte delle persone fermate fa parte di bande di criminali, della mafia australiana e di organizzazioni criminali asiatiche ed è anche servita a scoprire sei laboratori clandestini e a impedire operazioni di riciclaggio di denaro in tutto il mondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canada, auto contro famiglia musulmana: 4 morti e un ferito grave. Arrestato un 20enne: “Atto premeditato per motivi religiosi”

next
Articolo Successivo

Covid, dopo mesi di chiusura anche l’Irlanda riparte: pub e ristoranti riaprono per il servizio all’aperto – Video

next