Il comandante provinciale dei carabinieri di Verbania, Alberto Cicognani, racconta come si è arrivati, grazie a un’attenta indagine, ai fermi per omicidio colposo per il disastro della funivia di Mottarone nel quale sono morte 14 persone. “Prima di tutto c’è stata la parte dedicata ai soccorsi, poi altrettanto prioritaria è stata la fase delle indagini tecniche”, specifica parlando al Fattoquotidiano.it. Poi l’attività di sequestro del sistema di videosorveglianza, infine l’interrogatorio dei dipendenti dell’impianto. Ecco il racconto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mottarone, comandante dei carabinieri: “Freno d’emergenza inibito per non interrompere il servizio, un indagato si è assunto responsabilità”

next
Articolo Successivo

Ruby ter, no allo stralcio di Berlusconi a Milano. La pm: “Patologie neurologiche, verificare se può stare in giudizio”

next