“Ho visto delle vite e delle speranze distrutte. È una tragedia ancora peggiore oggi perché era la ripartenza, il giorno in cui le famiglie tornavano a muoversi”. Lo ha detto il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio a Stresa, dovedomenica 23 maggio è crollata una cabina della funivia, causando 14 morti. “Sono voluto andare fino al punto in cui si trova la cabina – ha chiarito Cirio – che è divelta e aperta, tra gli alberi”. Cirio si è detto “certo” che grazie a indagini tempestive “verrà fatta la giusta e dovuta chiarezza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente funivia del Mottarone, ministro Giovannini dopo il tavolo tecnico: “Indaghiamo le cause, tutti mettano a disposizione documenti”. Medici: “Il bambino sopravvissuto è critico, ma fa ben sperare”

next
Articolo Successivo

Funivia Mottarone, domani inizia il “cauto risveglio” del piccolo Eitan. “Nessun danno neurologico, condizioni gravi ma stabili”

next