A distanza di un anno dalla pandemia, “quando adesso ci sono i soldi da redistribuire, torniamo al fatto che il lavoro deve essere precario, che i soldi si danno alle imprese a pioggia, e che addirittura si può liberalizzare tutto perché è il mercato da solo che ti risolve i problemi? Questa è una presa per il culo scusate il francesismo”. Lo ha detto Maurizio Landini, segretario generale Cgil, intervistato da Gad Lerner in occasione del 120esimo anniversario della Camera del Lavoro di Modena. “Una cosa così non sta in piedi, non è per noi accettabile”, ha aggiunto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Semplificazioni, Landini: “No alla liberalizzazione dei subappalti. Lavoratori sotto lo stesso tetto non hanno uguali tutele e uguali diritti”

next
Articolo Successivo

Blocco licenziamenti, le pressioni di Confindustria fanno saltare la proroga. Sindacati: “Posizione socialmente pericolosa”. M5s chiede stop fino a dicembre: “Misura indispensabile”

next