Sono stati arrestati i sette presunti componenti della ‘banda del buco’ che il 3 novembre scorso ha svaligiato la filiale del Credit Agricole a Milano, in piazza Ascoli. Gli investigatori della Squadra mobile, diretti da Marco Calì, li hanno individuati poco prima, secondo le indagini, di commettere un nuovo colpo tra le province di Milano e Torino. La cattura è arrivata al termine di una lunga indagine complicata dalla modalità di fuga dei rapinatori, attraverso i canali fognari attorno alla banca. Quel giorno fecero irruzione nella filiale attorno alle 8.35, pochi minuti dopo l’apertura al pubblico. All’interno c’erano il direttore e una dipendente, mentre una seconda lavoratrice stava per entrare, quando si accorse della presenza dei banditi e dette l’allarme. “Sono entrati dalle fogne e hanno chiesto di aprire il caveau, hanno cercato di svaligiare le cassette di sicurezza – aveva raccontato il direttore 48enne -. Sono entrati e usciti dalle fogne, hanno fatto un buco nel pavimento”. E da lì erano partite le ricerche della Squadra mobile. La banda, composta secondo le indagini da partenopei, aveva portato via circa un milione di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccini, Locatelli: “Terza dose? Assolutamente ragionevole che debba essere fatta. Quando? Dai dieci mesi in su”

next
Articolo Successivo

Revenge porn, la procura di Brindisi chiede rinvio a giudizio per un ex sacerdote salentino: “Diffuse immagini hot della compagna”

next