“Una terza dose di vaccino contro il Covid è assolutamente ragionevole che debba esser fatta, anche se ancora non è stimabile quando dovrà essere raccomandata la somministrazione”, probabilmente a una distanza “dai dieci mesi in su“. A spiegarlo è stato Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di Sanità (Css) e coordinatore del Cts, ascoltato in audizione in Commissione Sanità al Senato sui vaccini contro il Covid. I tempi di osservazione dei soggetti vaccinati, ha precisato, “sono ancora limitati. È ragionevole pensare che per dieci mesi dovrebbe esser mantenuta la capacità protettiva dei vaccini. Ma è anche possibile che questo intervallo temporale venga prolungato“. Rispetto invece ad attendere fino a 42 giorni per la somministrazione della seconda dose dei vaccini a mrna, nei documenti presentati da Pfizer all’Agenzia Europea dei Medicinali, ha detto Locatelli, “sono stati inclusi partecipanti che hanno ricevuto la seconda dose tra i 19 ed i 42 giorni dalla prima”, pertanto, si poteva ritenere approvato anche un uso di questo tipo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rapina in banca a Milano, arrestata la “banda del buco” che entrò in una filiale passando dalle fogne e rubò 1 milione di euro

next
Articolo Successivo

Milano, svaligiarono la banca come in un film: buco nel pavimento e fuga dalle reti fognarie. Arrestati – Video

next