Nuovo record per il prezzo della benzina che sfiora ormai gli 1,6 euro al litro rivedendo i valori del 2018. Secondo le rilevazioni settimanali del Ministero dello Sviluppo economico nell’ultima settimana il prezzo è salito di altri 0,5 centesimi toccando i 1,593 euro al litro. Il gasolio si attesta invece a 1,452 euro, contro gli 1,447 euro al litro di una settimana fa. Rispetto ad un anno fa i carburanti costano circa il 16% in più, con un rincaro da inizio 2021 che è stato del 13%. In altri termini un pieno costa 7-8 euro in più dello scorso dicembre.

Il fenomeno non è solo italiano, sui mercati internazionali il prezzo della benzina è raddoppiato nell’ultimo anno. La dinamica segue le quotazioni del petrolio, a loro volta cresciute di oltre il 100%. In Italia il costo del greggio incide però per circa un terzo sul prezzo finale. La maggior parte di quanto si paga finisce in tasse e poi a raffinatori, trasportatori, distributori. La corsa dei carburanti e del petrolio è alla base delrialzo dell’inflazione registrato in aprile dall’Istat. Se protratto nel tempo è destinato ad allargare il suo impatto sulla generalità dei prezzi al consumo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bollette e carburanti risollevano l’inflazione in aprile (+ 1,1%). Rincari più forti a Catania e Napoli, modesti a Milano e Roma

next
Articolo Successivo

Immatricolazioni auto, in aprile nella Ue allargata +255% sul 2020. Ma vendite ancora inferiori al 2019. “In Italia calo più contenuto”

next