Nuova protesta dei lavoratori Alitalia a Roma. I dipendenti della compagnia di bandiera sono tornati in piazza per chiedere risposte sulla crisi dell’azienda. “Oggi è forse la tredicesima iniziativa che facciamo da gennaio. Oggi si chiude un ciclo. Abbiamo manifestato sotto tutti i ministeri, sotto Palazzo Chigi; oggi andiamo a incontrare i principali azionisti del Governo Draghi”, dice Francesco Staccioli, segretario nazionale Usb. I manifestanti infatti, per l’ennesima protesta, hanno deciso di “incontrare i partiti di maggioranza”, e cioè Pd, Lega e Movimento 5 stelle. “Da mesi aspettiamo risposte che non arrivano. Il Governo tira dritto su questo piano industriale che comporterebbe esuberi e la svendita della compagnia”, spiega un lavoratore, David. Striscioni e cori hanno caratterizzato il corteo. Al termine degli incontri, Antonio Amoroso, della segreteria nazionale Cub Trasporti, sottolinea: “Abbiamo la sensazione che non sappiamo di cosa stiamo parlando. Noi la vertenza la continueremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, gli artisti potranno abbellire la nuova linea M4 a spese proprie: una scelta deprimente

next
Articolo Successivo

Trasporto pubblico, quattro ore di sciopero nazionale il 12 maggio. Usb: “Rimettere al centro la qualità della mobilità cittadina”

next