Incontri, esposizioni artistiche e laboratori gratuiti. Sono queste alcune delle attività che si terranno all’interno di un’edicola abbandonata di Roma che ora riapre diventando un centro culturale.
“L’edicola del villaggio”, così è stato ribattezzato il chiosco oggetto di confisca a persone legate alla mafia, nasce dall’idea dell’associazione Falegnameria K_Alma in collaborazione con il primo municipio, l’Accademia di Belle Arti, lo spazio del Villaggio Globale e della Città dell’altra Economia e si trova negli spazi del Campo Boario di Roma.
”Il progetto nasce circa un anno fa – racconta Gabriella Guido, dell’associazione Falegnameria K_Alma – dopo la confisca, l’edicola era rimasta in stato di totale abbandono per diverso tempo. Noi abbiamo pensato così di farla rivivere donandola nuovamente alla città.”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La nuova metro M4 di Milano abbellita con opere d’arte contemporanee, ma devono essere realizzate gratis e senza rimborso delle spese

next
Articolo Successivo

Milano, il coprifuoco non ferma la movida. Rissa in zona Porta Ticinese con lanci di bottiglie e feriti: intervengono polizia e ambulanze

next