I possibili effetti avversi in coloro che si sottopongono al vaccino hanno convinto la Danimarca a portare avanti il proprio programma di immunizzazione di massa per il coronavirus senza utilizzare il farmaco prodotto da Johnson & Johnson. L’autorità sanitaria di Copenhagen ha diffuso un comunicato spiegando di aver “concluso che i vantaggi dell’utilizzo del vaccino Covid-19 di Johnson & Johnson non superano il rischio di causare il possibile effetto avverso in coloro che ricevono il vaccino”.

Una posizione che va controcorrente rispetto a quella degli altri Paesi europei, compresa l’Italia, dove le somministrazioni sono già iniziate dopo che l’Ema e l’Oms hanno fornito parere favorevole sull’uso del siero che si temeva potesse presentare rischi simili a quelli oggetto di verifiche per quanto riguarda il farmaco AstraZeneca. Il 13 aprile, infatti, proprio negli Stati Uniti, Paese dove si produce il siero anti-Covid, la Food and Drug Administration aveva chiesto la sospensione immediata delle somministrazioni del vaccino dopo la segnalazione di sei casi di trombosi verificatesi tra sei giorni e due settimane dopo l’inoculazione. “Quello che vediamo per i vaccini J&J è simile a quanto osservato con AstraZeneca”, avevano poi spiegato chiedendo di poter svolgere più controlli, mentre nel Paese le somministrazioni continuavano grazie alla massiccia disponibilità di dosi Pfizer e Moderna.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Africa è ancora il lavoro informale a permettere la sopravvivenza della maggioranza

next
Articolo Successivo

Via libera all’esportazione delle dosi Pfizer prodotte negli Usa: Messico e Canada i primi a beneficiarne

next