“Dopo le dichiarazioni e i buoni propositi, bisogna rimboccarsi le maniche. Domani mattina vediamoci in Senato e facciamo decollare la riforma della Rai, che è un’autentica riforma di sistema e ha bisogno del contributo di tutti”. Dopo la denuncia di Fedez delle pressioni ricevute dai vertici Rai per il suo discorso al Concertone del 1 maggio, il senatore del Movimento 5 stelle, Primo Di Nicola, lancia un appello ai partiti (anche al Pd, che oggi si è speso in dichiarazioni di solidarietà al cantante). Invita a fare autocritica e ricorda di aver depositato a inizio legislatura un disegno di legge per dare alla Rai “una governance autorevole e indipendente dalle interferenze della politica”. Testo però “mai decollato” per le difficoltà poste da tutti i partiti. “La polemica Fedez-Rai ripropone ancora una volta il tema delle interferenze della politica nella gestione dell’azienda, grazie alle quali i partiti arrivano a determinare tutto. A indicare i direttori dei telegiornali, delle reti e a disegnare i dirigenti. La Rai – continua – ha bisogno di una riforma profondissima della governance per impedire le interferenze dei partiti e per darle finalmente un organo autonomo, designando, sull’esempio anglosassone, manager e professionisti sganciati dai partiti che gestiscano azienda con l’obiettivo di realizzare compiutamente la mission del servizio pubblico“. Le parole, sostiene, non bastano. “Se vogliamo essere onesti, facciamo seguire i fatti. Facciamo decollare la riforma della Rai”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Caso Fedez, la politica ‘riscopre’ la Rai lottizzata ma non ha fatto nulla per cambiarla. Conte fa mea culpa e dice: “Riformiamola insieme”

next