“Il green certificate non è un passaporto e non è un liberi tutti. È una certificazione per la persona che lo riceve di avere un rischio ridotto o parzialmente ridotto. È un strumento dinamico legato alle tre componenti che possono regolare questo certificato”. Lo ha precisato Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità, nella conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale sull’epidemia di Covid-19, rispondendo alla domanda sul certificato verde per potersi spostare. “Rispetto alla durata dell’immunità nelle prossime settimane avremo, dagli studi, valutazioni migliori su quanto persiste la copertura immunitaria. Quindi – ha aggiunto – il green certificate è uno strumento prezioso e importante ma altrettanto dinamico e che credo che potrà essere arricchito e allungato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rezza: “Situazione dei contagi tende lentamente a migliorare, ma bisogna continuare a essere prudenti. Ospedali ancora sopra soglia critica”

next
Articolo Successivo

I Nas oscurano 92 siti web che vendevano farmaci anti-Covid. Speranza: “Sui medicinali diffidare dai canali alternativi”

next