Quindici persone, tra medici e infermieri, sono indagate dalla Procura di Oristano per abuso d’ufficio e peculato, con l’accusa di aver somministrato il vaccino Pfizer a propri familiari che non rientravano tra le previste categorie aventi diritto, abusando così della propria posizione. I Carabinieri del Nas di Cagliari hanno notificato gli avvisi di garanzia ai “furbetti del vaccino” questa mattina all’alba: si tratta di medici e infermieri indagati per abuso d’ufficio e peculato, per aver somministrato il vaccino Pfizer a propri familiari che non rientravano tra le categorie che ne avevano diritto, abusando così della propria posizione.

La Sardegna si classifica al quinto posto per numero di dosi di vaccino somministrate giornalmente ogni 100mila abitanti. L’infografica curata da Public Fluorish Studio tiene conto del valore medio degli ultimi sette giorni (prime + seconde dosi). L’Isola è quinta dietro Umbria, Liguria, Marche e Molise. La regione è stata la prima e l’unica in Italia a sperimentare il passaggio in zona bianca ma da lunedì 12 aprile è diventata rossa. Gli ultimi dati (di martedì 13 aprile, ndr) riferiscono di 327 nuovi contagi su 4.125 test effettuati. Si registrano anche otto nuovi decessi (1.285 in tutto). Sono 340, invece, i pazienti attualmente ricoverati in ospedale in reparti non intensivi (-1), mentre sono 56 (+1) quelli in terapia intensiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i sindacati dei medici pugliesi a Speranza: “Inviate i Nas negli ospedali della regione, gestione fallimentare della pandemia”

next
Articolo Successivo

Liberarsi di Conte: un imperativo per i nostalgici di Gelli

next