Migliaia di coccinelle tutte “assembrate”, per usare un termine oggi molto diffuso, sulla stessa roccia. Le immagini sono state girate sulla Montagnola di Civitanova del Sannio, a Isernia. Nel punto più alto della località, tra pietre e rocce e vicino a un serbatoio dell’acqua, la suggestiva scena si è presentata a un abitante del posto, Nicola Ricci, ex guardia forestale, che ha filmato tutto. “Ho ricordato quanto mi disse un amico tanti anni fa, quando ne vide 5 volte di più e rimase affascinato – racconta – e per questo ho filmato, chiamandolo e lui si è precipitato per vedere ancora questo spettacolo meraviglioso e raro“. Le coccinelle, da quello che riportano gli studiosi, vanno in letargo e lo fanno dopo essersi riunite in grandi aggregazioni, riparandosi anche in anfratti rocciosi e in altura, prima di risvegliarsi a primavera per andare sulle piante, dove trovano, finalmente, nutrimento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, l’Ema: “Trombosi rare sono un possibile effetto collaterale, non dimostrato nesso con l’età. Nessuna restrizione all’uso”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 13.708 nuovi contagi e 627 morti. L’incidenza crolla al 4% e calano i ricoverati

next