Migliaia di coccinelle tutte “assembrate”, per usare un termine oggi molto diffuso, sulla stessa roccia. Le immagini sono state girate sulla Montagnola di Civitanova del Sannio, a Isernia. Nel punto più alto della località, tra pietre e rocce e vicino a un serbatoio dell’acqua, la suggestiva scena si è presentata a un abitante del posto, Nicola Ricci, ex guardia forestale, che ha filmato tutto. “Ho ricordato quanto mi disse un amico tanti anni fa, quando ne vide 5 volte di più e rimase affascinato – racconta – e per questo ho filmato, chiamandolo e lui si è precipitato per vedere ancora questo spettacolo meraviglioso e raro“. Le coccinelle, da quello che riportano gli studiosi, vanno in letargo e lo fanno dopo essersi riunite in grandi aggregazioni, riparandosi anche in anfratti rocciosi e in altura, prima di risvegliarsi a primavera per andare sulle piante, dove trovano, finalmente, nutrimento.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, l’Ema: “Trombosi rare sono un possibile effetto collaterale, non dimostrato nesso con l’età. Nessuna restrizione all’uso”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 13.708 nuovi contagi e 627 morti. L’incidenza crolla al 4% e calano i ricoverati

next