In una settimana Mario Draghi ha perso l’1,7 per cento in gradimento, mentre il suo governo segna un calo di fiducia di 2,1 punti percentuali. Secondo la rilevazione di Monitor Italia per agenzia Dire e in collaborazione con Tecnè, la fiducia nell’esecutivo Draghi è calata negli ultimi sette giorni e, rispetto al 12 marzo, è scesa di 5 punti. A pesare (la rilevazione copre il periodo 19 marzo-primo aprile) sia le misure restrittive estese anche a tutto il periodo pasquale che gli effetti del decreto Sostegni.

Per quanto riguarda il gradimento dei leader, Draghi rimane in testa con il 56,1% ma perde appunto l’1,7%. Subito dopo l’insediamento, il 19 febbraio scorso, l’ex presidente della Bce, aveva il 61,4 per cento dei consensi. Pressoché stabile Giorgia Meloni (+0,1%) al secondo posto con il 40,1%. Terzo classificato Giuseppe Conte con il 35,8%: il neo leader M5s, proprio nella settimana di debutto alla guida del Movimento 5 stelle, guadagna lo 0,6%. In calo invece il leader del Carroccio Matteo Salvini: è quarto con il 33%, ma perde lo 0,2%. Sale dello 0,4% (28 per cento di gradimenti) il neo segretario dem Enrico Letta. Seguono: Silvio Berlusconi al 27,4% (-0,1); Roberto Speranza al 23,1% (-0,9); Emma Bonino al 21% (-0,3); Carlo Calenda al 17,5% (-0,1). Chiude Matteo Renzi al 10,8 (-0,1).

Sul fronte dei consensi per i singoli partiti invece, Monitor Italia segnala un ulteriore calo della Lega (-0,6%) al 22,6%. Dietro il Partito democratico che cresce dello 0,2% al 18,5 per cento. Terzo Fratelli d’Italia che con il +0,2 per cento arriva al 18%. I 5 stelle, alle prese con la rifondazione di Giuseppe Conte, segnano un +0,3% toccando il 16,3% dei consensi. Forza Italia invece in callo (-0.2%) si ferma al 10.1%. Tra i partiti minori: Azione al 3% (-0,1), Italia viva al 2,1% (-0,1), Sinistra italiana al 1,9% (+0,2), Verdi all’1,7% (+0,1), Articolo 1 all’1,5% (-0,1), Più Europa all’1,2% (-0,1).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, il Pd non abita più qui: vincerà chi avrà più coraggio

next
Articolo Successivo

El Pais: “Draghi sostiene il fronte franco-tedesco a discapito di Spagna e Olanda. Ma a Bruxelles prevedono che avrà vita breve”

next