Uno sportello itinerante per informare, orientare e assistere i rider nei luoghi dove si incontrano e aspettano le chiamate. Lo inaugura oggi nei pressi della Stazione di Roma Termini, Aboubakar Soumahoro, presidente della Lega dei Braccianti “Si tratta di un’attività socio sindacale di strada per federare l’insieme delle lavoratrici e dei lavoratori lungo la filiera del cibo”, spiega. “È un modo per dare voce ai loro bisogni, affrontare il tema di avere un contratto dignitoso quindi avere i contributi versati, l’assicurazione, la pensione”. Oggi primo incontro con alcuni rider: “Per guadagnare devo lavorare dieci, 12 ore al giorno, tutti i giorni mi fermo solo quando sono stanco, sennò sette giorni su sette”. “Lavoro dalle 11 di mattina all’una di notte – racconta un altro lavoratore – ma se non chiamano non guadagno, di media prendo 20 euro al giorno”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I lavoratori agricoli in piazza: “Dimenticati dal governo, per noi nessun ristoro”. Flai Cgil: “La Lega si scordi i voucher”

next
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, ora Ferrovie chiede i soldi indietro. Vuole 80mila euro di spese legali da 6 lavoratori rappresentanti per la sicurezza

next