Uno sportello itinerante per informare, orientare e assistere i rider nei luoghi dove si incontrano e aspettano le chiamate. Lo inaugura oggi nei pressi della Stazione di Roma Termini, Aboubakar Soumahoro, presidente della Lega dei Braccianti “Si tratta di un’attività socio sindacale di strada per federare l’insieme delle lavoratrici e dei lavoratori lungo la filiera del cibo”, spiega. “È un modo per dare voce ai loro bisogni, affrontare il tema di avere un contratto dignitoso quindi avere i contributi versati, l’assicurazione, la pensione”. Oggi primo incontro con alcuni rider: “Per guadagnare devo lavorare dieci, 12 ore al giorno, tutti i giorni mi fermo solo quando sono stanco, sennò sette giorni su sette”. “Lavoro dalle 11 di mattina all’una di notte – racconta un altro lavoratore – ma se non chiamano non guadagno, di media prendo 20 euro al giorno”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I lavoratori agricoli in piazza: “Dimenticati dal governo, per noi nessun ristoro”. Flai Cgil: “La Lega si scordi i voucher”

next
Articolo Successivo

Strage di Viareggio, ora Ferrovie chiede i soldi indietro. Vuole 80mila euro di spese legali da 6 lavoratori rappresentanti per la sicurezza

next