“Una leonessa a spasso per le strade sterrate di Radi“. E’ la voce insistente che in mattinata si è diffusa soprattutto attraverso i social su un avvistamento di un felino o presunto tale avvenuto nelle campagne di Monteroni d’Arbia, in provincia di Siena. Di sicuro c’è la telefonata di segnalazione alla polizia da parte del conducente di uno scuolabus e di una maestra che hanno parlato di aver visto girare una leonessa, come riferito in un primo momento. Successivamente i due testimoni, non proprio sicuri, avrebbero parlato forse di un lupo. La polizia ha comunicato che dalle prime verifiche fatte al circo di Vienna, che staziona a Siena, attraverso il controllo dei registri, non risultano mancare animali; peraltro il circo non avrebbe leoni ma solo tigri. Gli agenti stanno facendo ricerche con l’elicottero che sta sorvolando la zona di Radi ma non risultano altre segnalazioni né avvistamenti. Oltre alla polizia, le ricerche sono portate avanti da carabinieri, forestali, polizia provinciale, vigili urbani e vigili del fuoco. A seguito della segnalazione, ancora tutta da verificare, il sindaco di Monteroni d’Arbia, Gabriele Berni, ha diffuso un messaggio alla cittadinanza raccomandando di prestare attenzione.

La foto in alto è di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, 31enne sequestrato e costretto a cedere il Pin della carta di credito: così i banditi sono stati scoperti – Video

next
Articolo Successivo

Coronavirus, i dati di oggi – 18.765 nuovi casi, altri 551 morti in un giorno. Negli ospedali: in 24 ore 317 nuovi ricoveri in terapia intensiva

next