La polizia di Genova ha concluso una complessa attività di indagine a carico di un gruppo di ragazzi che organizzava la sistematica interruzione delle lezioni di diverse scuole su tutto il territorio nazionale, svolte a distanza. Gli inquirenti hanno individuato gli organizzatori e amministratori, di cui uno minorenne, residenti nelle province di Milano e Messina, che facevano parte di gruppi Telegram ed Instagram, creati appositamente con la finalità di disturbare i docenti e provocare la sospensione delle lezioni. A condividere i codici di accesso alle video-lezioni erano gli stessi studenti, che si sentivano al sicuro per via della apparente percezione di anonimato che sembra essere garantito dalle piattaforme social, riuscendo a pianificare attacchi durante le interrogazioni programmate. Tutti gli indagati hanno subito ammesso le condotte contestate e dovranno rispondere dei reati di interruzione di pubblico servizio e di accesso abusivo ad un sistema informatico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Malnate la sindaca-infermiera fa vaccinare 176 anziani malati in un solo giorno: “Regione Lombardia ne ha vaccinati solo 60 in 14 giorni”

next
Articolo Successivo

Vaccini, ogni Regione ha il suo piano: nel Lazio e in Campania si corre già con gli over 70, Lombardia e Toscana indietro con gli 80enni – Mappa e grafici

next