Qualche ingresso direttamente dal governo Conte 2, alcune conferme e diverse new entry dalla società civile, tra le quali spicca l’ex ct della nazionale di pallavolo Mauro Berruto. La nuova segreteria del Pd guidata da Enrico Letta sarà formata da 8 donne e 8 uomini che si aggiungono come noto ai due vicesegretari, l’eurodeputata Irene Tinagli (che avrà la missione “Italia Globale”) e l’ex ministro Giuseppe Provenzano al quale è affidata la missione “Prossimità”, le politiche del lavoro e il contrasto alle diseguaglianze.

La lista dei nomi sarà sottoposta poi alla direzione nazionale, mentre Letta formalizzerà in un secondo momento la nomina del coordinatore della segreteria. Dall’esperienza del governo precedente arrivano Antonio Misiani, ex viceministro al Mef, che diventa responsabile dell’Economia, e Sandra Zampa, ex sottosegretaria alla Salute, delega che avrà anche nel “governino” del partito. Francesco Boccia, ex ministro agli Affari regionali con Conte, avrà la delega alle Autonomie territoriali e ai rapporti con gli enti locali. Resta al suo posto all’organizzazione Stefano Vaccari.

Ci sarà un responsabile al Recovery Plan: sarà il professore universitario Antonio Nicita, docente alla Lumsa, ex commissario all’Agcom, che coordinerà un Comitato di esperti sulle sfide di Next Generation Eu. Nicita avrà anche le deleghe alle Istituzioni e alle Tecnologie. La transizione ecologica è invece affidata alla parlamentare Chiara Braga che da tempo si occupa di temi ambientali. Un’altra personalità della società civile è stata chiamata a seguire per il partito i temi dello sviluppo economico, del rapporto con le piccole e medie imprese e del Terzo Settore: è Cesare Fumagalli, 67 anni, fino al 2015 e per dieci anni segretario nazionale di Confartigianato Imprese.

La nuova responsabile Esteri sarà Lia Quartapelle, mentre Giustizia e diritti sono affidati ad Anna Rossomando, vicepresidente del Senato, vicina al ministro Andrea Orlando. Ad Enrico Borghi vanno le politiche per la sicurezza, mentre Istruzione e università saranno materia per Manuela Ghizzoni, ricercatrice universitaria ed ex deputata (non fu ricandidata nel 2018). Le politiche agricole e forestali sono affidate alla deputata toscana Susanna Cenni.

Il responsabile Cultura sarà Filippo Del Corno, assessore nella giunta di Beppe Sala a Milano, mentre la “Missione Giovani” – delega tutt’altro che marginale a sentire il discorso di insediamento del segretario – è assegnata alla parlamentare Chiara Gribaudo. Le politiche per la parità toccano a Cecilia D’Elia che d’altra parte è già portavoce della Conferenza nazionale delle donne democratiche. E infine, appunto, Mauro Berruto che sarà il nuovo responsabile Sport.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decreto Sostegni, resta il nodo cartelle. Di Nicola: “Ennesimo condono a vantaggio degli evasori. In Senato non avranno il mio voto”

next
Articolo Successivo

Nuovo stadio San siro, Sala: “Fermi fino a quando l’Inter non chiarirà il suo futuro”. La società replica: “Parole offensive”

next