Scintille a “L’aria che tira” (La7) sulla chiusura dei ristoranti e sui ristori agli esercenti. Ad aprire la polemica è la parlamentare di Fratelli d’Italia, Daniela Santanchè, che si rende protagonista di un vivace botta e risposta con il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, accusando il suo gruppo non aver votato un emendamento proposto dal partito guidato da Giorgia Meloni.
“Fammi parlare – ripete stizzito Gasparri – Levate il volume. Sentite, non è che posso parlare coi disturbatori in sottofondo. Altrimenti non parlo. Cosa devo fare? Parlo?”.

Il conduttore Francesco Magnani sollecita il senatore a finire velocemente il suo intervento, a causa dei tempi stretti.
Gasparri spiega: “Io e la Santanchè, quando eravamo all’opposizione, abbiamo votato per 32 miliardi di scostamento di bilancio, perché ritenevamo che i soldi al Paese andassero dati. Hanno perso tempo, perché il governo guidato dai grillini si è dilaniato e ha fallito“.
Ma è da un mese che state al governo – insorge Magnani – Avete giurato un mese fa”.
Gasparri sbotta irrimediabilmente: “Io voglio parlare! Conduttore, conduca. Lei non sa condurre“.
“Probabilmente è lei che non sa parlare molto rapidamente – replica il giornalista – ma ora dobbiamo andare in pubblicità”.
Rabbiosa è la reazione del senatore di Forza Italia, che dopo la pausa pubblicitaria porgerà le sue scuse a Magnani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, il Tg La7 mostra in esclusiva le usure sullo strallo responsabile del crollo: il video del 2015

next
Articolo Successivo

AstraZeneca, chi ha la responsabilità politica dovrebbe rassicurare con la trasparenza dei dati

next