“Necessario mettere a punto una riforma complessiva delle pensioni. Quota 100 sta finendo ma non ha risolto il problema complessivo. Un sistema puramente contributivo oggi crea delle diseguaglianze. Vogliamo avere la certezza che il blocco dei licenziamenti sia prolungato per tutti i lavoratori oltre il 31 marzo. Il prolungamento è legato ad una riforma degli ammortizzatori sociali”. Lo ha dichiarato ai cronisti Maurizio Landini (Cgil), a margine della presentazione della ricerca “Distribuzione e disuguaglianza retributiva in Italia” svolta dalla Fondazione Di Vittorio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cisl, dopo 7 anni finisce l’era Furlan: Luigi Sbarra è il nuovo segretario nazionale. “Serve un nuovo patto sociale”

next
Articolo Successivo

Uber, i giudici revocano l’amministrazione giudiziaria: “Tracciata strada virtuosa in settore di grande sfruttamento”

next