La giunta regionale del Lazio si prepara al rimpasto e all’ingresso del Movimento 5 stelle. Così se sul fronte nazionale il progetto di intesa Pd-M5s, dopo la nascita del governo Draghi, sembra essersi raffreddato, il segretario Nicola Zingaretti prova a rilanciare il progetto sul territorio e proprio nella sua stessa assemblea regionale. Un segnale che, almeno per il leader dem, quella è la strada su cui continuare, anche se dentro il partito la strada sembra sempre più complicata.

Secondo le ultime indiscrezioni, il confronto tra Pd e M5s nel Lazio dovrebbe partire a breve. A confermarlo oggi è stata anche la capogruppo M5s Roberta Lombardi: “Noi lavoriamo con la maggioranza sui temi da inizio consiliatura e negli ultimi mesi abbiamo votato insieme le linee programmatiche del prossimo settennato 21/27 e il Recovery Fund Lazio. C’è quindi un impegno congiunto su questi temi per il futuro del Lazio. Continuiamo su questa strada, quello che conta è programmare ultima fase di consiliatura insieme con quello spirito unitario e di condivisione che ha caratterizzato (e continua a caratterizzare) l’esperienza di governo centrale”.

La prima tappa è appunto quella di creare una piattaforma programmatica che supporti poi l’allargamento della giunta. Al posto dell’uscente assessore al bilancio Alessandra Sartore, neo promossa a sottosegretaria all’economia, potrebbero arrivare delle new entry: due figure politiche o una politica ed una tecnica, entrambe comunque legate al Movimento. Il tutto, farà partire un mini-rimpasto di deleghe, con il bilancio che potrebbe andare ad un assessore di più lunga data, come il vicepresidente Daniele Leodori, e forse un avvicendamento all’assessorato alla Cultura. Secondo Repubblica, tra i nuovi ingressi ci potrebbe essere anche quello di Valentina Corrado (vicina a Luigi Di Maio). Tra i papabili si fa anche il nome proprio di Lombardi. L’intesa in Regione potrebbe essere utile anche in chiave elettorale per le prossime amministrative in Campidoglio. C’è infatti chi interpreta – sempre a condizione che l’operazione vada in porto – il consolidamento dell’asse dem-pentastellati in Regione anche nell’ottica di un’eventuale alleanza sulle comunali di Roma. Al momento l’intesa per le amministrative sembra impossibile: i 5 stelle hanno blindato Virginia Raggi e il Pd non intende sostenere la sindaca uscente. Certo è che, se si raggiunge un accordo in Regione, potrebbero aprirsi altre ipotesi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cassa integrazione più veloce, ministro Orlando incontra le parti sociali: “Iniziato un percorso in 4 tappe per la riforma”

next
Articolo Successivo

Covid, Sala ai milanesi: “Comportatevi correttamente. Ieri ho fatto un giro e ho visto troppi gruppetti con la mascherina abbassata”

next