Lo spread prosegue la sua risalita. Il differenziale di rendimento tra Btp e Bund si porta a 102 punti, il rendimento del decennale italiano che raggiunge lo 0,76% in crescita di 10 punti base. In mattinata il Tesoro ha collocato Btp a cinque anni per un ammontare pari a 5 miliardi di euro e con un tasso in rialzo allo 0,11%, quattro punti in più rispetto alla precedente operazione del 28 gennaio scorso. Il fenomeno non è italiano ma generalizzato con discesa dei prezzi (e quindi aumento del rendimento, visto che la cedola è fissa in valore assoluto ma espressa in rapporto al prezzo del titolo) di quasi tutti i titoli sovrani. Il rendimento del Treasury statunitense a dieci anni sale di 8 punti a 1,45%, l’equivalente britannico 7 punti a 0,8%. I tassi salgono anche in Francia (+ 6 punti a 0,13%), in Germania (+ 6 punti a – 0,24%) e Spagna (+ 7 a 0,45%). La differenza di velocità di questa comune corsa al rialzo determina l’ampliamento degli sperad di Francia, Spagna e soprattutto Italia.

A causare le vendite di titoli di Stato è il timore che l’inflazione possa rialzare la testa. Le ultime rilevazioni hanno evidenziato qualche sussulto dei prezzi e i recenti rincari delle materie prime, petrolio e rame in testa, rafforzano questa possibilità. Più le politiche monetarie espansive delle banche centrali si protraggono e più crescono gli stanziamenti pubblici contro la pandemia maggiore è il rischio che l’inflazione venga spinta verso l’alto. Siamo alla vigilia di un nuovo maxi piano da 1.900 miliardi di dollari che la Casa Bianca di Joe Biden si appresta a iniettare nell’economia. Prezzi che salgono significano però che i rendimenti già bassissimi pagati dai titoli di Stato diventano, in termini reali, ancora più risicati. Un conto è incassare 100 euro l’anno con i prezzi fermi, un conto è se nel frattempo i prezzi sono aumentati di 110 euro. C’è anche un lettura positiva di questi movimenti. La ripresa dell’inflazione si verifica solitamente se l’economia ricomincia a crescere, quello che sembrano attendersi in questi giorni gli investitori.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Spread chiude a un soffio da quota 100. Moody’s abbassa le stime sulla crescita italiana. Borsa positiva, vola Tim dopo i conti

next
Articolo Successivo

Banca d’Italia, Luigi Federico Signorini nuovo direttore generale al posto del neo ministro Daniele Franco

next