Il Regno Unito procede speditamente nella campagna vaccinale di massa, ma il governo di Boris Johnson mantiene alta l’asticella delle restrizioni. Il premier si appresta a illustrare al Parlamento la progressiva uscita dal lockdown (il terzo, a oggi in vigore da due mesi), che sarà estremamente graduale. L’8 marzo riapriranno le scuole, ma l’alleggerimento delle restrizioni è rinviato al 29 marzo. Dunque, fra più di un mese, e in ogni caso sarà comunque legato alla conferma del rallentamento registrato di recente della curva dei contagi e dei ricoveri per Covid, nonché dalla prosecuzione dell’andamento positivo della campagna di vaccini.

Il piano britannico appare non solo differito e prudente, ma destinato a lasciare ancora a fine marzo il Regno a un livello di restrizione più severe rispetto alla media di quelle in vigore al momento in Italia. E questo malgrado l’accelerazione dell’isola sul fronte dei vaccini (con 18 milioni di iniezioni già somministrate e l’obiettivo d’arrivare ad assicurare almeno la prima dose a tutta la popolazione adulta ultra18nne fissata ora dallo stesso Johnson per fine luglio).

“Intendo delineare – dirà Johnson alla Camera dei Comuni secondo uno stralcio diffuso da Downing Street – una roadmap destinata a portarci fuori con cautela dal lockdown. E la nostra priorità è sempre stata quella di riportare i bambini a scuola” oltre che di trovare “modi per far riunire le persone con i loro cari in sicurezza”. Di qui la scelta – confermata in un’intervista da Nadhim Zahawi, ministro britannico preposto al coordinamento della vaccinazioni – di partire l’8 marzo con la ripresa dell’attività scolastica in presenza in tutta l’Inghilterra, con il via libera alle attività sportive all’aperto negli istituti. E per il resto confermare l’autorizzazione dei contatti sociali in pubblico e all’aperto fra le persone a non più di due – come previsto già dall’inizio del lockdown – con la sola concessione in più di potersi intrattenere in momenti ricreativi a due come bere un caffè o una bibita in un parco. Dal 29 marzo, invece, è previsto il ripristino della regola del 6 (ossia il permesso di riunirsi outdoor fino a un massimo di sei persone appartenenti a non più di due nuclei familiari), nonché la riapertura di attività sportive e affini (tipo tennis o golf) all’aperto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luca Attanasio, chi era l’ambasciatore italiano ucciso in Congo. Aveva 43 anni

next
Articolo Successivo

Germania, dopo due mesi di lockdown duro il governo prepara una strategia per riaprire. Spahn: “Ma definire un piano è impossibile”

next