FQChart è la media aritmetica settimanale dei sondaggi sulle intenzioni di voto degli italiani in esclusiva per Il Fatto Quotidiano. Concorrono alla media tutti i sondaggi pubblicati dai maggiori istituti demoscopici nella settimana appena conclusa.

Settimana dal 15/2 al 21/02/2021

I primi effetti della nascita del nuovo esecutivo a guida Mario Draghi sono positivi per i principali partiti di centrodestra. Fratelli d’Italia, ufficialmente all’opposizione, sale di uno 0,3% rispetto alla settimana scorsa arrivando a sfiorare il 17% (16,7 il dato medio esatto).

La Lega, primo partito italiano e forza di governo, è al 23,9% (+0,2), con punte del 24,5% sia per Tecnè che per Index Research. Infine Forza Italia guadagna più di un punto percentuale salendo all’8,3%, un trend positivo per tutti i sette sondaggi realizzati questa settimana. Va detto però che il “balzo” del partito di Silvio Berlusconi è principalmente dovuto ai sondaggi della Tecnè che gli conferiscono un ottimo 10,6%.

Come previsto i partiti dell’ex maggioranza del governo Conte II soffrono invece in questa fase di avvio del Draghi I. Il Partito Democratico perde ancora uno 0,3% e va al 19,3% avvicinandosi pericolosamente al minimo storico del 2018 (18,7%). Solo Quorum assegna ai Dem questa settimana il 20%, mentre il dato più a sfavore è il 18,8% di Swg.

Va giù di mezzo punto fino al 14% invece il M5s, il partito in questo momento maggiormente nell’occhio del ciclone a causa della scelta di entrare nell’attuale maggioranza. Il dissenso degli attivisti, le scissioni interne, le indecisioni e le ambiguità di alcuni dei personaggi più in vista del Movimento, l’addio di Di Battista e una governance carente difficilmente freneranno il calo di consenso nel breve periodo. E infatti in tre dei sette sondaggi il M5s è più vicino al 13% che al 14%.

Resiste LaSinistra/LeU al 3,2%, nonostante le divergenze di vedute sul nuovo governo tra gli esponenti del gruppo parlamentare. Torna al 3,1% ItaliaViva (+0,2), in lieve incremento grazie alla rilevazione Emg (4,2%), ma “le praterie” auspicate da Matteo Renzi sembrano ancora troppo lontane, mentre Azione, diretto concorrente ma anche potenziale alleato, mantiene saldamente il suo vantaggio (3,5%).

(Istituti considerati: Swg, Tecnè*, Index Research, Noto, Emg, Quorum/YT).
*due le rilevazioni Tecnè pubblicate questa settimana, il 15 /2 e il 20/2

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La prescrizione divide la maggioranza Draghi. Fdi prova a cancellare la riforma: la norma non passa grazie a Pd e M5s. Si astengono Lega, Forza Italia e renziani

next
Articolo Successivo

Pd, proteste per le ministre mancate? ‘Il potere gli uomini non lo regalano, si deve conquistare’

next