L’Etna è tornato a eruttare. Il cratere Sud-Est ha registrato un’intensa attività esplosiva e la conseguente emissione di fontane di lava, una gigantesca nuvola di cenere e lapilli vulcanici, arrivati fino a Catania.

L’incremento dell’attività esplosiva è stato registrato dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe), poco dopo le 16. Il fenomeno si è poi evoluto in fontana di lava con la formazione di una spessa nube di cenere, alta più di un chilometro, che si sta disperdendo verso sud facendo cadere cenere e lapilli. Le fontane di lava si sono esaurite nel giro di poco più di un’ora. Restano ancora alimentate le due colate laviche si dirigono verso la desertica Valle del Bove.

L’aeroporto internazionale di Catania Fontanarossa è chiuso per l’emergenza cenere lavica. Lo ha deciso l’unità di crisi dello scalo. La colonna di fumo e cenere e il buio non garantiscono la sicurezza dei voli.

“Il presidente Musumeci chieda lo stato di calamità per i paesi etnei: il vulcano è in piena attività e una intensa pioggia di lapilli di dimensioni fino a 10 centimetri sta investendo i comuni che si trovano in prossimità del vulcano”. Così il segretario regionale del PD Sicilia, Anthony Barbagallo, che rivolge un appello al governo regionale siciliano affinché si attivi per la dichiarazione di calamità naturale in favore dei comuni montani colpiti da cenere e lapilli, in seguito all’eruzione dell’Etna.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Contagi troppo alti e rischio varianti, chiusi i confini della provincia di Ancona e quattro mini-zone rosse in Lombardia: anche Bollate

next
Articolo Successivo

Covid, Rezza: “Variante inglese non diminuisce l’efficacia dei vaccini. Brasiliana e sudafricana al momento poco presenti in Italia”

next