In seguito alla morte di una decina di clochard a causa del freddo, il circolo Arci Sparwasser grazie all’aiuto dell’associazione Nonna Roma, ha deciso di convertirsi, in questo periodo di inattività a causa del Covid, in un dormitorio per le persone senza casa. ”Apriamo intorno alle 19 e chiudiamo la mattina alle 8 – racconta Luca Fazzolari, attivista di Sparwasser – tutti i giorni puliamo e sanifichiamo gli ambienti. Inoltre in caso una persona avesse bisogno di fermarsi a dormire, ma non avesse fatto il tampone, glielo facciamo sul momento”. Il progetto chiamato ”Qui c’è posto” dà ospitalità a un massimo di sette persone per notte. ”Grazie alla solidarietà di questo quartiere (Pigneto) siamo riusciti a raccogliere in pochi giorni i soldi necessari per aprire – dichiara Alberto Campailla, dell’associazione Nonna Roma – ad esempio i materassi e i letti ci sono stati domani da un’azienda, la Casa del Materasso; in più ci sono circa un centinaio di volontari che a turno porteranno il cibo per le cene, i pranzi e le colazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Papa nomina Suor Nathalie Becquart sottosegretaria al Sinodo dei vescovi: per la prima volta una donna voterà all’assemblea

next
Articolo Successivo

“Non c’è budget”, niente cannula per il bimbo disabile. La denuncia del padre: “Per il sistema sanitario calabrese mio figlio può morire”

next