“Con pochi mezzi abbiamo fatto migliaia di tamponi in città, quanti soldi ha sprecato Regione Lombardia per non fare nulla e per sbagliare?”. Lo chiedono gli infermieri, i medici, gli Oss e i volontari della Brigata Sanitaria Soccorso Rosso che da dicembre effettuano tamponi rapidi gratuiti a Milano. Un’iniziativa che grazie all’ausilio di una nuova unità mobile da febbraio diventa itinerante e toccherà alcune delle zone periferiche della città. “Siamo partiti da via Padova – spiega Riccardo Germani, uno dei volontari della Brigata – vogliamo fare in modo che tutta la popolazione nei quartieri venga tracciata per bloccare la catena del contagio”. In tanti si fermano a chiedere informazioni o a prendere il numero per mettersi in coda per il test. Il sistema è quello del “tampone sospeso”: il test è gratuito grazie alle donazioni di altre persone. “Ci occupiamo di quella parte di popolazione che non ha un accesso semplice alla sanità o che non riesce a parlare italiano per provare a identificare casi di positività che altrimenti non verrebbero fuori”, spiega uno dei medici che convalida i tamponi. “L’obiettivo è che le istituzioni allestiscano gazebo come questi in tutta la città per garantire il tracciamento e per evitare che la gente torni a morire – spiegano i volontari – qui in Lombardia abbiamo assistito a una debacle”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Varianti Covid inglese e brasiliana, tutta la provincia di Perugia zona rossa da lunedì. L’ordinanza della Regione Umbria

next
Articolo Successivo

Omofobia, calci e spintoni in strada a Torre del Greco: il video postato sui social

next