Aveva poco meno di settant’anni Marco Ferretti, lo storico commesso di Montecitorio, ricoverato per coronavirus dalle vacanze di Natale. Se n’è andato oggi, in un ospedale romano, dopo aver passato quarant’anni della sua vita tra i corridoi della Camera. Era andato in pensione nel luglio del 2017, custodendo i segreti, gli aneddoti e gli episodi più cruciali della storia politica italiana. Era lui il commesso che accompagnava in Aula e nel Palazzo, ad esempio, i presidenti del Consiglio. Alla festa per il suo pensionamento a Montecitorio, in un caldo pomeriggio estivo, erano presenti a salutarlo con l’allora presidente della Camera membri del governo, tantissimi parlamentari e uomini delle Istituzioni. In quella occasione Ferretti riconobbe come una propria fortuna l’essere stato “osservatore privilegiato della vita politica nazionale“, elencando in “controllo, diplomazia, riservatezza e autorità” le quattro doti che devono contraddistinguere un buon assistente parlamentare.

Nato a Posta, in provincia di Rieti, nel giugno del 1951, entrò per la prima volta alla Camera dei deputati il primo gennaio del 1978 dopo aver vinto un concorso. In quel periodo a Palazzo Chigi c’era Giulio Andreotti, pochi mesi dopo Aldo Moro sarebbe stato sequestrato. Prima di essere nominato capo dei commessi, Ferretti lavorò per tanti anni in Aula ed in sala stampa, diventando un punto di riferimento sicuro per ‘generazioni’ di deputati e giornalisti. Uno degli episodi più eclatanti che lo riguardano risale a Tangentopoli, quando un deputato leghista, Luca Leoni Orsenigo, si alzò dal suo scranno e sventolò il famoso cappio. “Glielo strappai e lo conservo così come tutti gli oggetti che ho sequestrato“, ha raccontato Ferretti anni dopo al Corriere della Sera. Nella sua collezione, riferisce il quotidiano, ci sono anche il megafono del missino Teodoro Buontempo e le manette del leghista Gianluca Buonanno.

Nell’immagine LaPresse Ferretti all’ingresso di Montecitorio mentre accoglie il fondatore M5s Beppe Grillo.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I pendolari lombardi ironizzano sul video auguri di Natale di Trenord: l’azienda diffida e chiede 10mila euro di danni

next
Articolo Successivo

“Concittadini, vi ordino di non ammalarvi”. La protesta della sindaca di Oniferi (Nuoro) contro la mancanza del medico di base

next