Minacce di morte via social di alcuni no vax all’indirizzo di Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, a seguito della polemica che, nella trasmissione “Non è l’arena” (La7) , lo ha reso protagonista contro il medico negazionista di Ardea (Roma), Mariano Amici.

Ospite de “L’aria che tira” (La7), a commentare l’episodio interviene Massimo Galli, primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, non senza una stoccata al giornalista Massimo Giletti: “Quando determinate posizioni, magari col fine di scoop giornalistico, purtroppo da qualcuno in televisione vengono portate alla pari con quelle che invece hanno un senso e un fondamento scientifico, si fa un grande servizio alla confusione e alla negatività. E si dà una visibilità a determinate posizioni e a determinati gruppi di persone che non la meritano, anche perché sono al limite rappresentativi di se stessi e certamente non di dati scientifici. Bisognerebbe anche stare un po’ attenti a come si sceglie di comunicare da questo punto di vista”.

L’infettivologo commenta anche gli assembramenti odierni di giornalisti e reporter attorno al leader della Lega, Matteo Salvini: “Qui c’è qualcuno che crede di essere immune al virus e che le infezioni non interessino i giornalisti. Cosa devo pensare? Capisco che è lavoro, ma non esiste questa cosa“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Padellaro su La7: “Renzi ha creato il caos perfetto. Il suo capolavoro è stato sfasciare un governo senza sapere cosa fare dopo”

next
Articolo Successivo

Carelli a La7 dopo l’addio al M5s: “Non faccio il talent scout, ma ho avuto vari incontri e ho colto il disagio in molti eletti del Movimento”

next