Le strade vuote a causa del coprifuoco imposto dai militari, mentre dai balconi e dalle finestre 20 minuti di rumore assordante. Le persone, dalle loro case, sbattono pentole, tegami e tamburi improvvisati con quello che trovano. È la protesta messa in scena dagli abitanti della maggiore città birmana ed ex capitale del Paese, Yangon, contro il colpo di Stato. La scena è stata ripresa da un residente nel quartiere popolare di Sanchaung. Alle 20 in punto, quando è scattato il coprifuoco indetto dalla giunta militare, la gente si è affacciata per far sentire la propria opposizione al giro di vite. Il gesto, che potrebbe essere riproposto anche nelle prossime sere, richiama volutamente la tradizione locale secondo cui fare rumore con le pentole nel giorno di Capodanno allontanerebbe dai villaggi e dalle città gli spiriti maligni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il tradimento di Trump è di proporzioni storiche”: le accuse del secondo impeachment (che si avvia al Senato)

next
Articolo Successivo

Alexei Navalny condannato a 2 anni e 5 mesi di carcere per violazione della libertà vigilata. Sostenitori in piazza: oltre 1330 fermi

next