“Non ci basta sapere che cosa è successo da gennaio, ma chiediamo di capire cosa è successo in Lombardia da ottobre”. È questo l’appello lanciato dal sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, che insieme ai colleghi di Milano, Varese, Brescia, Cremona e Lecco ha tenuto una conferenza stampa online per fare il punto sulla vicenda degli errori di calcolo degli indici in Lombardia. “È molto probabile che l’errore non riguardi solo il periodo dal 15 al 30 dicembre, ma che l’Rt abbia registrato una sopravvalutazione dal 12 ottobre – ha spiegato il primo cittadino bergamasco – ovvero da quando guariti e deceduti non sono stati scorporati dai pazienti positivi”.

I sindaci di centrosinistra dei capoluoghi lombardi precisano di non voler portare lo scontro sul terreno politico, ma su quello tecnico. “Qua il problema non è quello di fare i processi, ma di correggere i malfunzionamenti – spiega Sala, che poi si rivolge a Fontana – mi ha detto che i dati erano pubblici, ma erano veri o no? Perché quello che stiamo dicendo è che per un tempo da definire non erano veri. Noi vogliamo capire che cosa è successo ritornando con i dati al 12 ottobre perché questa è una storia lunga”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dimissioni, Conte salirà al Quirinale. M5s, Pd e Leu per un nuovo incarico al premier. Zingaretti: “Con lui per un governo europeista”

next
Articolo Successivo

Crisi, Fornaro (Leu): “Non siamo disponibili a governi che vogliono vivacchiare. Apertura a Italia Viva? Non ci sono le condizioni”

next