Giornate di vaccinazioni nelle Rsa comunale di Milano. In quella di via Pindaro 44 gestita dall’Impresa sociale Anteo, tocca al personale. Oltre un centinaio gli ospiti, già tutti vaccinati anche grazie alla nuova normativa, che ha consentito al direttore sanitario Pietro Tramanzoli di assumersi la responsabilità della firma del consenso per quanti erano privi di un tutore e di fatto incapaci. Per il personale, invece, ci si è dovuti accontentare del 70% circa. Non un pessimo risultato, visto che si tratta dell’obiettivo minimo che l’Italia si è data a livello nazionale per le Residenze per anziani. Nonostante i colloqui informativi avviati dalla direzione con i singoli lavoratori, molti sono rimasti fermi sulle proprie opinioni contrarie al vaccino. “La velocità con la quale i vaccini sono stati prodotti e il timore per effetti avversi a lungo termine sono stati gli argomenti principali”, spiega la direttrice Grazia Ricatti. “Ma i più reticenti sono proprio coloro che hanno contratto il Covid in passato, convinti che questo basti a metterli fuori pericolo e certi che la vaccinazione a loro non serva”. Un esempio concreto della dibattuta questione sull’idoneità al lavoro in ambienti pubblici e con utenti fragili del personale che rifiuta il vaccino. Ma alla Rsa Pindaro, spiegano direttrice e direttore sanitario, “non possiamo obbligare nessuno perché senza una legge apposta a nessuno può essere imposto un trattamento sanitario”. Quindi niente assegnazione di altre mansioni o sospensioni non retribuite, come ipotizzato in queste settimane da qualcuno. “Ma sì a una legge che renda obbligatorio il vaccino per chi lavora nel pubblico”, si augura la direttrice Ricatti, convinta peraltro che molti di coloro che in un primo momento si sono tirati indietro, presto seguiranno amici e colleghi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Vaccino anti-Covid, nuovi ritardi di Pfizer nella consegna. Martedì incontro tra governo e Regioni: si studia meccanismo di solidarietà

next
Articolo Successivo

Vaccino Pfizer, Zaia: “Vergognoso tagliare le forniture. Pensare a ridistribuzione delle scorte in magazzino per fare i richiami”

next