Vivace botta e risposta a “Otto e mezzo” (La7) tra i giornalisti Luca Telese e Paolo Mieli sulla crisi di governo. Telese interviene durante l’analisi di Mieli sugli scenari futuri nell’ipotesi del sostegno dei “responsabili” a Giuseppe Conte, ma l’ex direttore del Corriere della Sera ribatte: “Adesso non c’è più Renzi, non avete più la bestia nera”.
“A me non interessano solo le idee di Renzi – replica Telese – ma anche il mondo che le ha create e coloro che le hanno sostenute. Un anno fa avremmo pensato che la regione a fare il massimo delle vaccinazioni anti-covid sarebbe stata la Lombardia e quella a fare il minimo la Campania. E invece è accaduto esattamente il contrario, è cambiato il paradigma. Il renzismo aveva delle idee vecchie ultraliberiste e un po’ berlusconiane che hanno governato il mondo. E oggi sarebbero a disagio a gestire il Recovery Plan”.

Mieli sbotta: “Ma in quel caso c’è un gigante che è De Luca. Io mi rifiuto di essere interrotto per questo. Cosa vuoi dire? Che la Lombardia è renziana e la Campania è contiana? Allora Renzi è brutto, sporco, cattivo. Va bene, l’abbiamo capito“.
“Intendevo dire che prima c’era solo il mercato – replica Telese – Ora tornano le istituzioni, torna il pubblico”.
“Viva la statalizzazione dei mezzi di produzione – ribatte Mieli – Che cosa si può dire con te per poter continuare a parlare?”
“Dai, un po’ di socialdemocrazia, Paolo – continua Telese – So che sei un nostalgico renziano e che stai soffrendo, ma contieniti”.
E Mieli non ci sta: “Ma che razza di modo di parlare è? Hai detto che è colpa della logica mercatista perché la Lombardia non fa i vaccini”.
Telese ribadisce: “Ho detto che il modello sanitario della Lombardia si è rivelato impreparato. La sanità deve tornare pubblica”.
“Ma che c’entra con quello di cui stavamo parlando? – chiede Mieli – Che modo di discutere…”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi di governo, Di Maio a La7: “Costruttori anche tra parlamentari di Italia Viva, ma con esecutivo posticcio meglio il voto”

next
Articolo Successivo

Crisi, Polverini a La7: “Per Renzi sono il soccorso nero? Evidentemente mi sono ritinta, perché fino a qualche mese fa mi cercava continuamente”

next