Durante questo lungo e drammatico periodo, abbiamo assistito a tante polemiche legate al mondo dell’arte e della cultura. Da una parte c’è chi ritiene che queste non debbano essere considerate delle priorità, soprattutto ora. Dall’altra, c’è chi sostiene invece l’importanza della cultura e dell’arte soprattutto ora. Si scontrano qui, più che due atteggiamenti politici, due visioni del mondo e dell’uomo. E così, se da una parte si cerca di destinare la maggior parte delle risorse alle urgenze ritenute più decisive per le sorti del mondo, dall’altra si cerca di sensibilizzare i governi sul fatto che anche la cultura e l’arte, sono importanti al pari di tutto il resto.

Personalmente non so quale visione sia più corretta, so solo che a volte ci si imbatte in letture straordinarie, in frasi che possono ergersi come un faro nel buio, aiutandoci a maturare una visione (dall’alto?) delle cose. È il caso della meravigliosa chiusa di Claude Lévi-Strauss, nel titanico finale di Guardare, ascoltare, leggere (Il Saggiatore, 1994, traduzione di Francesco Maiello).

Considerate secondo una scala millenaria, le passioni umane si confondono. Il tempo non aggiunge né sottrae nulla agli amori e agli odi provati dagli uomini, alle loro promesse, alle loro lotte e alle loro speranze: in passato e oggi, questi sono sempre gli stessi. Sopprimere a caso dieci o venti secoli di storia non intaccherebbe in modo sensibile la nostra conoscenza della natura umana. La sola perdita insostituibile sarebbe quella delle opere d’arte che questi secoli avranno visto nascere. Gli uomini, infatti, differiscono, e anche esistono, solo attraverso le loro opere. Esse sole recano l’evidenza che nel corso dei tempi, fra gli uomini, qualcosa è realmente accaduto”.

Sarebbe bello se nel 2021, questi “versi” diventassero finalmente il manifesto di chi pensa che l’arte e la cultura non sono (solo) importanti, sono la sola cosa che resta, e che dirà qualcosa di noi…

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Leonardo Sciascia, i cento anni di un intelletto sottile e spietato

next
Articolo Successivo

Mostre, Kandinsky nomade e rivoluzionario: il tour online nella mostra del Guggenheim di Bilbao

next