Ultimo giorno in zona arancione per tutta l’Italia, prima che lunedì si torni alle differenziazioni tra Regioni. Per effetto dell’ultimo decreto del governo che ha fissato le restrizioni anti-Covid in vigore fino al 15 gennaio, per l’ultimo giorno in tutta Italia valgono le regole della zona con un livello di misure intermedio. Ciò significa che è consentito spostarsi liberamente solo nel proprio Comune. I negozi sono aperti, mentre restano chiusi bar, pasticcerie e ristoranti, a cui sono comunque permessi l’asporto fino alle 22 e la consegna a domicilio. Invariato il coprifuoco dalle 22 alle 5. L’autocertificazione (scaricabile qui) serve solo per andare in un altro Comune, in un’altra Regione o per muoversi durante le ore notturne, a patto che sussistano motivi di salute, lavoro o necessità. È sempre possibile rientrare presso il proprio domicilio, abitazione o residenza in un’altra regione.

Il decreto approvato il 5 gennaio conferma però una deroga introdotta durante le vacanze natalizie. Chi vive nei Comuni con meno di 5mila abitanti, infatti, per evitare di essere penalizzato rispetto a chi vive nelle metropoli, può uscire dai confini comunali purché rimanga entro un raggio di 30 chilometri. È comunque vietato, però, raggiungere i capoluoghi di provincia. Perché questa precisazione? L’obiettivo del governo è quello di limitare il più possibile gli assembramenti nei centri storici, come avvenuto nei weekend precedenti alle vacanze di Natale.

Dopo la giornata di oggi, 10 gennaio, tornerà in funzione la divisione in zone di rischio delle Regioni. Il ministro della Salute Roberto Speranza ha già firmato l’ordinanza, esecutiva da domani, per inserire in fascia arancione: Lombardia, Emilia, Veneto, Calabria e Friuli. In queste cinque Regioni, quindi, le regole previste dal colore arancione rimarranno in vigore almeno per le prossime due-tre settimane. Un’ulteriore novità potrebbe arrivare a ridosso del 15 gennaio, quando il presidente del Consiglio dovrà rinnovare il dpcm in scadenza. In quell’occasione è probabile che venga revocato il divieto di spostarsi tra Regioni, purché si trovino in area gialla.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Le mire sull’acquedotto dell’imprenditore condannato in Spagna per frode all’Ue: vuole costruire centrali idroelettriche nelle Marche

next