Fogli all’aria, sedie lungo il corridoio e un gran caos. Dopo il passaggio dei sostenitori di Donald Trump, che nella giornata di mercoledì 6 gennaio hanno assalito il Campidoglio a Washington, il Congresso degli Stati Uniti è sottosopra. I disordini sono terminati nella serata di mercoledì (ore italiane) con un bilancio di quattro morti, 13 feriti e 52 arresti. Dopo una sospensione durata alcune ore, la sessione congiunta per certificare i voti di Biden è ripresa. Aprendo la nuova seduta, il vicepresidente Mike Pence ha condannato quanto accaduto, sostenendo che “la violenza non vince mai”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, la Francia prolunga le chiusure fino a fine gennaio. Gran Bretagna e Germania oltre i mille decessi in 24 ore. Record vittime in Usa

next
Articolo Successivo

Il Congresso Usa attaccato dall’Armata Brancaleone ‘trumpiana’. Ma la democrazia vince

next