Fogli all’aria, sedie lungo il corridoio e un gran caos. Dopo il passaggio dei sostenitori di Donald Trump, che nella giornata di mercoledì 6 gennaio hanno assalito il Campidoglio a Washington, il Congresso degli Stati Uniti è sottosopra. I disordini sono terminati nella serata di mercoledì (ore italiane) con un bilancio di quattro morti, 13 feriti e 52 arresti. Dopo una sospensione durata alcune ore, la sessione congiunta per certificare i voti di Biden è ripresa. Aprendo la nuova seduta, il vicepresidente Mike Pence ha condannato quanto accaduto, sostenendo che “la violenza non vince mai”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, la Francia prolunga le chiusure fino a fine gennaio. Gran Bretagna e Germania oltre i mille decessi in 24 ore. Record vittime in Usa

next
Articolo Successivo

Il Congresso Usa attaccato dall’Armata Brancaleone ‘trumpiana’. Ma la democrazia vince

next