In Inghilterra preoccupa la variante inglese, responsabile dell’aumento dei contagi delle ultime settimane, e gli esperti sono anche alle prese con lo studio della mutazione sudafricana. E ora un ulteriore ceppo del coronavirus arriva dall’Argentina, che ha confermato di avere identificato in persone contagiate nel Paese la presenza di casi ricollegabili alla ‘variante di Rio de Janeiro’, configuratasi come una nuova mutazione del Sars-Cov-2.

“A seguito del sequenziamento degli ultimi genomi avvenuto in novembre e dicembre – ha confermato Josefina Campos, ricercatrice dell’Istituto Anlis-Malbrán – ne abbiamo trovato uno in cui abbiamo potuto identificare le sei mutazioni corrispondenti alla variante di Rio de Janeiro”. Questa mutazione – derivata dal genere B.1.1.28 – è stata localizzata in Brasile dall’ottobre scorso. Al riguardo Campos ha spiegato che “fra le sei mutazioni che contempla, ce n’è una che è la proteina spike che riduce gli effetti neutralizzanti degli anticorpi monoclonali e del plasma di pazienti convalescenti”.

Lo studio delle varianti è realizzato in Argentina con la tecnologia di ultima generazione ‘Illumina CovidSeq test’ che rileva il Sars-CoV-2 con i tamponi nasali, rinofaringei e orofaringei di pazienti con sospetto contagio da Covid-19.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, centinaia di sostenitori di Trump si radunano a Washington prima della certificazione del voto

next
Articolo Successivo

Arresti di massa a Hong Kong: 53 attivisti pro-democrazia in manette. Ue: “Vengano liberati”

next