Bastano due soli “ingredienti”: acqua e sole. E il “gioco” è fatto. Così un’azienda israeliana all’avanguardia, Watergen, sta riuscendo a produrre acqua potabile utilizzando i due elementi. E lo sta facendo in una zona densamente popolata che spesso ha dovuto fare i conti con la siccità e la mancanza di acqua potabile: la Striscia di Gaza. Il progetto, già in funzione, riesce grazie a un processo biochimico alimentato a energia solare a “purificare” l’aria dell’atmosfera. Il risultato è straordinario: il macchinario riesce a estrarre circa 80mila litri cubici di acqua dal suolo per poi filtrarla ed erogarla dall’apposito rubinetto.

Nello specifico, spiega il sito GreenMe, il dispositivo aspira l’aria dall’atmosfera. Un filtro interno, poi, la purifica, rimuovendo polvere e particelle varie. L’aria viene diretta attraverso il processo di scambio e raffreddamento del calore del macchinario, e condensata in acqua. L’acqua viene puoi nuovamente filtrata, e vengono aggiunti minerali per ottenere acqua potabile. Una volta prodotta, l’acqua viene fatta continuamente circolare in un serbatoio, all’interno del macchinario, per mantenerla fresca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rifiuti radioattivi in Italia, Speranza: “La Basilicata non è idonea”. Solinas: “Governo e Stato arroganti”. Emiliano: “Puglia contraria”

next
Articolo Successivo

L’ambiente non entra nelle stanze dei bottoni: Greta rischia di rimanere folklore

next