Le autorità della contea di Hennepi, in Minnesota, hanno rilasciato un filmato registrato dalla bodycam della polizia che mostra il blitz avvenuto nella casa di Dolal Idd, il 23enne di origini somale ucciso dalle forze dell’ordine il 30 dicembre scorso a seguito di un conflitto a fuoco, all’indomani della morte del ragazzo.

Gli agenti hanno perquisito l’abitazione in cerca di altre armi e sono stati denunciati dalla famiglia del 23enne per “uso inappropriato della forza“, e cioè per aver agito in maniera troppo violenta e aggressiva durante il blitz. Per questo lo sceriffo della contea ha deciso di diffondere il video, volendo “chiarire cosa sia successo durante il mandato di perquisizione”, come spiega nel comunicato stampa. Secondo lo sceriffo Hutchinson “il video racconta una storia diversa”. E, sulla base delle immagini, lo sceriffo ha “elogiato i suoi agenti per la loro professionalità” e per “aver agito in modo appropriato, rispettoso” e seguendo il protocollo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Vaccini anti-Covid, ecco la classifica dei Paesi nel mondo: i dati e i numeri in tempo reale

next