“La nascita del gruppo Stellantis, dalla fusione tra Fca e Psa, è un cambiamento storico per l’industria automobilistica. Questo cambiamento in Italia può rappresentare una possibilità di invertire un trend sul piano produttivo, occupazionale”. Così in un video e in una nota Francesca Re David, segretaria generale della Fiom-Cgil, commenta la fusione avviata oggi tra Fca e Psa. “In questo Paese non si riesce ad avere un tavolo in cui si discuta di politiche industriale, delle prospettive occupazionali e produttive, dell’indotto e dell’innovazione. È da tempo che lo chiediamo, ma governo è fermo”. La Fiom, è l’appello al governo, “richiede l’apertura di un confronto con il Governo su tre punti: una legge sulla democrazia e partecipazione dei lavoratori sulle scelte industriali, risorse straordinarie per un piano di rigenerazione dell’occupazione e produzioni che incontrino le necessità della nuova mobilità”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, protesta dei lavoratori Agenas davanti al ministero della Salute: “In 70 senza più lavoro, una vergogna che succeda in piena pandemia”

next