Sono dimezzati, rispetto a ieri, i nuovi casi di coronavirus registrati nel Paese. Secondo gli ultimi dati forniti dal ministero della Salute, sono infatti 11.831 le persone risultate positive al virus nelle ultime 24 ore. Ma il ridotto numero di tamponi effettuati, appena 67.174, fa schizzare il tasso di positività nel Paese che torna al 17,6%, un +3,5% rispetto al 14,1% di ieri. Nell’ultima giornata ci sono state, inoltre, altre 364 vittime, con il totale che sale così a 74.985.

Sono 9.166 le persone che sono guarite o sono state dimesse nell’ultima giornata, numero però che non è sufficiente a far diminuire quello degli attualmente positivi che aumentano di 2.295 unità, salendo a 577.062. Ieri l’aumento era stato di 4.871. Di conseguenza aumenta anche il numero delle persone ricoverate nei reparti di terapia intensiva: sono 16 in più rispetto a ieri, con il totale che si attesta a 2.569. Sono invece 22.948 le persone negli altri reparti Covid, con un aumento di 126 unità, mentre in isolamento domiciliare si trovano 551.545 positivi.

La Regione più colpita si conferma il Veneto, con ben 3.165 casi e 46 vittime nelle ultime 24 ore. Stazionaria la situazione dei reparti ospedalieri, con 2.992 ricoverati nelle aree non critiche, 7 in più rispetto a ieri. Scende di un posto l’occupazione delle terapie intensive, con 400 pazienti. Le altre regioni che registrano il numero più alto di contagi sono l’Emilia-Romagna (2.035), la Lombardia (1.402) e il Lazio (1.275).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli impianti sciistici riapriranno il 18 gennaio. Il ministro Speranza ha firmato l’ordinanza

next
Articolo Successivo

Grazie a una app un infermiere salva a distanza un bambino di due anni: rischiava di soffocare per un boccone andato di traverso (video)

next