Da gennaio tutti gli studenti, i docenti e il personale Ata del Piemonte potranno fare almeno una volta al mese un tampone. A lanciare il progetto sperimentale “Scuola Sicura” è la Regione guidata dal presidente Alberto Cirio. Con un investimento di 7 milioni di euro si punta a tornare a scuola in sicurezza e in presenza fino alla fine dell’anno. A sviluppare il piano, unico in Italia, è stato il gruppo di lavoro degli epidemiologi che supportano la giunta regionale, coordinato da Pietro Presti.

L’obiettivo è uno solo: monitorare in maniera costante il contagio e contenerlo il più possibile. In pratica dal 4 gennaio al 31 marzo prossimo gli 83mila docenti e non dei servizi educativi per l’infanzia e delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado, agenzie formative del sistema dell’Istruzione e della Formazione professionale, potranno eseguire ogni 15 giorni un test antigenico o molecolare. Il tutto su base volontaria e previa prenotazione dal proprio dottore di medicina generale (per i non residenti è prevista una corsia preferenziale tramite il Sisp).

Tamponi molecolari e antigenici anche per i 75mila studenti di seconda e terza media che saranno sottoposti su base volontaria una volta al mese (ogni settimana viene testato un quarto di ogni classe) allo screening. Per loro l’operazione scatta l’11 gennaio e terminerà sempre il 31 marzo prossimo. “In questo caso – spiega l’assessore all’Istruzione Elena Chiorino, madrina del progetto – servirà la collaborazione dei genitori che dovranno accompagnare i ragazzi negli hotspot presenti su tutto il territorio. Abbiamo scelto questa fascia di età perché gli esperti ci hanno detto che, insieme alle superiori, si è dimostrata la più esposta alla vie di contagio della vita scolastica e parascolastica”.

L’assessore Chiorino è particolarmente ottimista: “Prevediamo un’adesione del 70% da parte degli studenti. Non ci fermeremo al 31 marzo. Trattandosi di un progetto sperimentale lo adegueremo cammin facendo e in base alla curva epidemiologica”. Ma non solo. “Stiamo anche lavorando per supportare il lavoro dei medici e alleggerirli. Potranno essere definiti accordi territoriali per rafforzare il piano mediante la collaborazione con enti pubblici, privati e del terzo settore. Nella provincia di Biella stiamo già interessando i sindaci, l’Asl e due realtà che si occupano di prevenzione oncologica che si metteranno a disposizione per questo lavoro di screening”.

Soddisfatto di questa operazione è il direttore dell’ufficio scolastico regionale, Fabrizio Manca: “Stiamo andando nella giusta direzione: la Regione punta al rafforzamento del controllo sanitario e a potenziare la fase di screening e tracciamento. Solo così possiamo riuscire a tenere aperte le nostre scuole. Sto lavorando da mesi per assicurare lezioni in presenza e in sicurezza e questo impegno della Regione è in sintonia con il mio sforzo. Mi auguro che i docenti, soprattutto quelli dell’infanzia e della primaria, aderiscano a questa proposta. L’11 gennaio abbiamo in previsione una giornata dedicata all’incontro con tutti i dirigenti scolastici per avviare una campagna di sensibilizzazione”.

Intanto l’assessore Chiorino fa sapere che in Piemonte le scuole superiori sono pronte a riaprire in presenza al 50% a partire dal 7 gennaio, come previsto inizialmente dal ministero di viale Trastevere.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chissà come sarà la scuola che verrà: di sicuro una cosa l’abbiamo capita

next
Articolo Successivo

Scuole, via libera dei prefetti al rientro in presenza dal 7 gennaio per gli studenti di medie e superiori. Fino al 15 dad al 50%

next