Vivo è sbarcata in Europa qualche mese fa con la sua gamma di smartphone Android guidata dal nuovo Vivo X51 5G, uno smartphone di fascia medio-alta dotato -come il nome stesso fa intendere- di connettività alle reti 5G. Nel corso delle ultime settimane abbiamo avuto la possibilità di metterlo un attimo sotto torchio.

Dal punto di vista del design, parte frontale abbastanza in linea con quanto visto nel corse del 2020 anche da altri produttori, con uno schermo da 6,56″ con bordi verticali “curvi” ad occupare gran parte della superfice, presentando una fotocamera punch-hole all’interno del display stesso. Sul retro troviamo una lavorazione a nostro parere più particolare, e che gli da un minimo di distinzione da altri prodotti sul mercato, vedendo una superfice in vetro -anch’essa con bordi verticali curvi- con un effetto visivo simile al satinato sovrastare uno strato riflettente in una tonalità tra il grigio ed il celeste chiaro, interrotta nella porzione superiore sinistra dall’ampio modulo bicolore che ospita la quad cam. Nell’uso quotidiano risulta molto comodo, riuscendo grazie alle sue forme a dissimulare un po le dimensioni effettive.

All’interno dell’X51 5G trova posto il SoC Snapdragon 765 di Qualcomm, affiancato da 8GB di RAM e 256GB di storage. Il processore e la GPU offerta dal chip di Qualcomm sono più che sufficienti per permettere allo smartphone di Vivo di offrire buone prestazioni anche con i giochi più impegnativi – nella prova abbiamo utilizzato sia Call of Duty Mobile che il nuovo League of Legends: Widl Rift, versione per smartphone del celebre MOBA di Riot Games – al contempo riesce a dosare la potenza per evitare eccessivi consumi di batteria quando non sono richieste le prestazioni massime, permettendo così alla batteria da 4315mAh di raggiungere senza eccessi anche 2 giorni di accensione su una singola carica.

Per l’X51 5G Vivo ha curato particolarmente il comparto fotografico, vedendo all’anteriore un sensore da 32MP capace di offrire sia selfie di buona qualità sia immagini più nitide durante le videocall su Whatsapp. Al posteriore invece troviamo un sistema QuadCam che vede il sensore principale da 48MP stabilizzato da un sistema simile ad un gimbal (abbastanza soddisfacente la prova), affiancato da una fotocamera da 13MP dedicata ai ritratti, una da 8MP dedicata alle immagini grandangolari e macro (120° il campo visivo, mentre la distanza minima dall’oggetto ripreso sono 2,5cm), ed infine da una fotocamera da 5MP dotata di lente zoom a 5x. Vista l’attuale situazione che affligge il paese non abbiamo avuto modo di effettuare una prova “completa” come avremmo preferito, ma possiamo dire che la parte fotografica è sicuramente uno dei punti di forza del top di gamma di Vivo.

Sicuramente altro punto di forza dell’X51 è il suo schermo AMOLED a 90Hz, capace di offrire una buona qualità dei colori ed un’ottima fluidità in tutti gli utilizzi, di contro è un vero peccato che sia presente un solo speaker per la riproduzione dell’audio di musica e video. Lo smartphone di Vivo equipaggia un sensore per le impronte digitali integrato nello schermo, dai risultati visti nella prova dobbiamo però affermare che non sempre è scattante, allungando il tempo necessario allo sblocco del dispositivo.

Sul versante connettività, ora che la rete 5G ha iniziato a raggiungere a Milano una maggiore stabilità, con una sim Vodafone, siamo riusciti in vari speed test a superare comodamente i 300Mbps in download (contro i 25/30 che nella medesima area riusciamo generalmente ad ottenere con la rete 4G), velocità certamente superiore a quella offerta in molti comuni italiani dalle reti domestiche; va detto però che ci sono ancora limiti sulle velocità di upload (raramente oltre i 7/10Mbps). Sicuramente le velocità sono ancora lontane dal “gigabit” promesso dalla tecnologia, ma questo a nostro parere non dipende tanto dal dispositivo di Vivo (i valori sono perfettamente in linea con quanto ottenuto con altri smartphone nella medesima situaizone), quanto dall’attuale stato della rete disponibile.

Nel complesso possiamo affermare che Vivo ha scelto un buon dispositivo per sbarcare nel nostro paese, l’X51 5G ha infatti tutte le carte in regola per essere un buon smartphone, sopratutto per coloro che amano usarlo per scattare fotografie. Va però detto che il suo prezzo non lo posiziona sicuramente in vantaggio rispetto ai concorrenti, vedendo il suo costo online oscillare tra i 650 ed i 750€ in base allo store.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nell’anno della pandemia triplicate le identità digitali Spid: oltre 15 milioni. Spinta dai bonus Inps, boom con l’avvio del cashback

next