E’ pronto l’allegato alla bozza di Recovery plan con il dettaglio dei 52 progetti per l’impiego dei circa 200 miliardi di euro di fondi europei a valere sul Next Generation Eu. Ma nemmeno il nuovo documento, datato 29 dicembre, soddisfa Italia viva, che nel frattempo ha consegnato al ministro dell’Economia Roberto Gualtieri un documento di critiche alla parte introduttiva andata in cdm il 7 dicembre (e successivamente modificata). “Sui contenuti non ci siamo, ci separa un abisso“, fanno sapere i renziani nonostante sia confermato l’incremento dei fondi “aggiuntivi” rispetto a quelli “sostitutivi”. “Abbiamo mandato 30 pagine, loro una bozza modificata dopo la conferenza stampa di Renzi e arrivata ieri notte”, dicono. Anche se nelle loro 30 pagine solo mezza è dedicata al piano Ciao annunciato da Matteo Renzi. Chigi dal canto suo parla di clima “positivo“: durante l’incontro della delegazione renziana con Gualtieri si sarebbe registrato “un disaccordo di fondo sulla proposta di Iv di usare tutti i prestiti per progetti aggiuntivi” perché “far crescere il debito sarebbe incompatibile con l’obiettivo di rientro dal debito che l’Ue continua ad indicare l’Europa”, ma sulle proposte l’intenzione è di andare avanti con il confronto.

La nuova bozza di Palazzo Chigi conferma le linee guida e le cifre di massima emerse nei giorni scorsi, con qualche limatura e qualche specificazione ulteriore sulle modalità di impiego delle somme. Il documento è organizzato come da richieste della Commissione con il cronoprogramma dei singoli progetti e l’indicazione, come chiede l’Ue, di “milestone” (pietre miliari) e target (obiettivi). Vengono indicati i soggetti proponenti, attuatori e la natura della spesa, se si tratta di investimenti, riforme o incentivi. Compaiono anche l’impatto sulla transizione green e sulla digitalizzazione. Manca invece tutta la parte più discorsiva contenuta nella bozza del 7 dicembre. Così scompare anche il riferimento alla riforma della prescrizione.

Viene ritoccata al ribasso, da 24,8 a 21,7 miliardi la dotazione di Transizione 4.0, ossia gli incentivi alle aziende per la conversione delle produzioni in chiave sostenibile. Alle imprese vanno anche 450 milioni destinati ad interventi per l’internazionalizzazione delle imprese. Novecento milioni decollano verso la “Space economy”, sotto forma di incentivi finanziari per favorire gli investimenti nel settore aerospazio. Ci sono poi 450 milioni, un po’ meno di 600 milioni previsti, per sviluppare il settore dei microchip. Altri 5 miliardi vanno, come da bozze precedenti, al “Patent box”, ossia agevolazioni per i redditi che derivano da proprietà intellettuale.

Il ministero dell’Economia investirà 4,7 miliardi di euro per lo sviluppo dei pagamenti digitali con cui il governo punta anche a ridurre il livello dell’evasione fiscale. Nelle bozza rivista si legge che “l’investimento comprende iniziative volte a ridurre l’uso del contante e incentivare la diffusione di strumenti di pagamento digitali (e.g. Cashback, Lotteria degli scontrini, etc.), oltre che un piano di comunicazione per promuovere l’uso di tali strumenti e informare sul valore dei pagamenti digitali”. Il piano rientra nel più ampio capitolo “Digitalizzazione e Innovazione” che vale complessivamente 46 miliardi.

Per cultura e turismo figurano complessivi 3,5 miliardi tra interventi di restauro nelle principali città, miglioramento nella fruizione dell’intero patrimonio culturale italiano tra digitalizzazione ed eliminazione delle barriere fisiche, nuovi teatri di posa per calamitare nuove produzioni cinematografiche, riqualificazione dei centri storici dei borghi ma anche delle periferie e una spinta al turismo lento che passa anche per il recupero delle linee ferroviarie storiche. Il capitolo più “pesante” – 890 milioni – riguarda il potenziamento del piano strategico grandi attrattori turistico-culturali da destinare al restauro e rifunzionalizzazione di complessi di elevata valenza storico-architettonica in 9 città: Venezia, Trieste, Torino, Milano, Genova, Firenze, Roma, Bari e Palermo.

Confermata a 6,3 miliardi la somma a disposizione per agricoltura sostenibile ed economia circolare. Al potenziamento della didattica scolastica e del diritto allo studio sono destinati 10,6 miliardi come già previsto nella prima versione del documento. Come da precedenti previsioni alla tutela del territorio e alla difesa dai dissesti idrogeologici vengono assegnati 9,4 miliardi.

Confermati anche i 9 miliardi per ammodernare e potenziare il sistema sanitario nazionale rispetto all’assistenza di prossimità e alla digitalizzazione, a cui però come ha annunciato Gualtieri nelle scorse settimane si sommano stando alla nuova bozza 5,5 miliardi per la ristrutturazione degli ospedali. E 750 milioni serviranno per rafforzare organici e dotazioni del sistema giudiziario.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La borsa italiana chiude il 2020 a meno 5%. Capitalizzazione complessiva a 607 miliardi, Intesa Sanpaolo il titolo più scambiato

next
Articolo Successivo

Cashback, ultimo giorno per partecipare a quello “extra” di Natale (fino a 150 euro). Rimborsi potenziali vicini a 200 milioni totali

next