Il generale Teo Luzi è stato nominato dal Consiglio dei ministri nuovo Comandante generale dell’Arma dei carabinieri. Dal 6 settembre del 2018 Luzi ricopre l’incarico di Capo di Stato Maggiore del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri. Nato a Cattolica nel 1959, ha intrapreso la carriera militare nel 1978 con la frequenza del 160° Corso dell’Accademia Militare di Modena, completando gli studi militari presso la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma nel biennio 1980-1982. Ha conseguito la laurea in Giurisprudenza e in Scienze Internazionali e Diplomatiche.

Luzi ha retto incarichi di comando per oltre 18 anni e, in particolare, quello di Comandante della Compagnia di Roma Centro (1984-1992) e dei Comandi provinciali di Savona (2001-2003) e Palermo (2007-2012). Dal 2016 al 2018, è stato Comandante della Legione Carabinieri “Lombardia”. Ha fatto parte di diversi team dirigenziali per la “spending review” nelle Forze armate, ai ministeri della Difesa e dell’Interno e nelle Forze di Polizia. Ha assolto vari incarichi all’estero tra cui quello di Capo di Stato Maggiore presso la “Multinational Specialized Unit” (Msu in Bosnia-Erzegovina (1998-1999). È insignito dell’onorificenza di “Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana”, della “Medaglia Mauriziana” al merito di 10 lustri di servizio militare e di quella per la campagna militare della Nato. Numerose le congratulazioni a Luzi dal mondo della politica.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, monitoraggio Iss: “Rt sale a 0,90. Tredici regioni ancora oltre la soglia critica per i ricoveri. Evitare i contatti”

next