“La piattaforma a mRna è facilmente modulabile e, nel caso il virus dovesse evolvere in maniera tale da superare le difese immunitarie, ha un vantaggio rispetto alle piattaforme tradizionali con virus vivo o ucciso o basate su proteine ricombinanti. È infatti una piattaforma che permette di essere modulata e costituirà la base per futuri vaccini, non solo in ambito infettivologico, ma anche anti-cancro“. Così Giorgio Palù, presidente dell’Aifa, Agenzia italiana del farmaco, durante la conferenza stampa sui vaccini contro il Covid-19, in merito alla possibilità di aggiornamento del vaccino in funzione delle mutazioni di Sars-Cov-2. Secondo Palù infatti, sarà importante “valutare l’evoluzione del virus”, per capire come comportarsi, anche in funzione, appunto, della nuova piattaforma.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino Covid, il via libera di Aifa: “Non ci sono controindicazioni, ma solo cautele. Anche a immunodepressi o donne in gravidanza”

next
Articolo Successivo

Covid, la scienziata che lo isolò: “Vaccino efficace anche sulla variante inglese? È come con l’influenza, il farmaco si può ‘aggiustare’ in poche settimane”

next