Una lettera con dentro un proiettile. È la minaccia che si è visto recapitare nella posta il sindacalista Massimo Braccini, segretario generale della Fiom Cgil Toscana, martedì 15 dicembre. La “gravissima intimidazione” è stata denunciata da Dalida Angelini, segretaria generale Cgil Toscana. “A Massimo Braccini e alla Fiom va la totale vicinanza e la solidarietà mia e, mio tramite, di tutti gli organismi dirigenti della Confederazione, delle iscritte e degli iscritti della Cgil – aggiunge Angelini – Nel mentre condanniamo ogni forma di violenza diciamo chiaramente che non ci faremo intimidire, la nostra azione per il lavoro, per i diritti, per la democrazia continua e si rafforza”.

Anche Francesca Re David, leader dei metalmeccanici della Fiom, ha denunciato l’accaduto ed espresso solidarietà a Braccini. “La Fiom considera tali minacce inaccettabili e, come sempre nella sua storia, condanna ogni atto di violenza”, ha scritto la segretaria. “Qualcuno tenta di colpire Massimo per il suo lavoro attento e responsabile di dirigente sindacale”, dice ancora, confidando “nel ruolo della magistratura e delle forze dell’ordine” per far luce al più presto sull’episodio.

Parole di solidarietà e vicinanza anche da parte del presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. “Un atto di gravissima intimidazione, il tentativo di inquinare il clima sociale e politico in un momento di particolare difficoltà per l’intera collettività. Sono certo che – ha aggiunto il governatore – come sempre, la forte e viva cultura democratica della Toscana saprà respingere il disegno di chi punta su violenza e intolleranza”. Giani ha concluso con una riflessione sull’importanza dell’istituzione del sindacato: “È uno dei cardini del sistema di relazioni sociali nel nostro Paese e sono destinati al fallimento i tentativi di minarne il ruolo”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, lavoratori della cultura chiudono simbolicamente il Castello sforzesco: “Da 10 mesi senza sostegno. Siamo dimenticati dalla politica”

next
Articolo Successivo

Barilla, premio da 1.000 euro in busta paga ai suoi dipendenti nel mondo. “Per gli sforzi durante la pandemia”

next